La marcia notturna

12 settembre 2016 - Tonio Dell'Olio

Un piccolo drappello formato da persone provenienti da luoghi e itinerari umani differenti, quello che ha scelto di aderire alla proposta di una marcia notturna tra Perugia ed Assisi. Un’anticipazione della marcia del prossimo 9 ottobre sulle orme segnate dalla grande anima di Aldo Capitini, pensatore fine e ostinato nonostante le incomprensioni, le persecuzioni e qualche derisione. Camminare nella notte in sintonia con l’oscurità in cui tanta parte dell’umanità è costretta ad abitare. Tutt’altro che una marcia clandestina, camminare nella notte per dire che l’indifferenza e la rassegnazione uccidono quanto le bombe. Camminare per essere parte attiva ben oltre l’apparenza e l’impotenza e per richiamare alle proprie responsabilità chi non va oltre le solenni dichiarazioni di principio. Per sperimentare almeno per un poco la fatica di chi è costretto a mettersi su strade impervie e incerte per scappare da fame, violenze, guerre e terrorismi. Un piccolo drappello, forse profezia di un’umanità che è chiamata a camminare insieme nella stessa direzione. Ancora una volta una scelta che ci rende complici della speranza. Faticosa, incerta, impervia. Come le strade di chi è costretto a scappare. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36