Comunicazione di guerra

27 settembre 2016 - Tonio Dell'Olio

Ma perché il confronto tra Hillary Clinton e Donald Trump deve essere necessariamente uno “scontro” e un “duello”? Le critiche di Renzi alla sindaca Raggi sono realmente un “attacco”? Davvero un partito decide di “dare battaglia” ad un altro? E così quella dei migranti è una “invasione”, in talune dichiarazioni televisive si consumano “vendette”, un giornalista “bombarda” di critiche un esponente politico, un organismo di controllo “dichiara guerra” alla corruzione o all’evasione fiscale. È questo il linguaggio corrente dell’informazione. Un linguaggio bellico. Come se non ci fossero altre metafore e altri riferimenti, come se non si potesse più serenamente parlare di dialogo, confronto, critica, discussione (anche vivace), contraddittorio… Per non parlare del linguaggio violento che circola a piede libero sui social network! E non è un’osservazione per “anime belle”. Non è marginale rispetto ai problemi seri e gravi che ci troviamo ad affrontare quotidianamente. Sono persuaso che proprio il nostro modo di esprimerci e quello della rete della comunicazione in cui siamo immersi creano mentalità, alterano i nostri stati d’animo, costruiscono un certo tipo di cultura, ci fanno familiarizzare con la guerra e con la violenza fino a rendercela di casa. La costruzione della pace passa anche di qui e forse uno sforzo maggiore soprattutto da parte di chi ha responsabilità maggiori nel mondo dell’informazione e della comunicazione sarebbe un contributo essenziale. Chissà se un giorno si potrà pervenire alla formulazione di un codice etico professionale che dichiari il disarmo unilaterale del linguaggio!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36