Scosse

27 ottobre 2016 - Tonio Dell'Olio

Qualunque tema scelga di commentare e diffondere oggi si arena irrimediabilmente nelle sensazioni di impotenza mista a paura vissute ancora una volta ieri sera con le scosse del terremoto. Esperienza di fragilità e limite. Di rassegnazione e assoggettamento. Sentimenti e sensazioni che però alimentano la solidarietà e l’amicizia. Telefonate e messaggi di amici preoccupati. No stop di notiziari alla faticosa ricerca di informazioni dettagliate e aggiornate. Sguardi, prima ancora che considerazioni e commenti, dei vicini di casa. E mi chiedo se ha senso attendere un evento tanto distruttivo per disseppellire i legami umani più profondi e più belli. Se non valga la pena impegnarsi a rendere ordinario e quotidiano ciò che abbiamo relegato all’eccezionalità. Stamattina incontro altri sguardi che spesso cercano nel vuoto una risposta o chiedono semplicemente di raccontare quel frammento di tempo. Dov’erano, con chi, cos’hanno provato, come hanno reagito… regolare la respirazione e riprendere a fare cose. Ma con una luce nuova sulle persone che la vita ti lascia incontrare.

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26