La lezione dei Kaiowa

8 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio

Ava Taperendi è il nome Guarani di Ladio Veron, il Cacique (capo) della tribù Kaiowa (Popolo della foresta) che, con il mandato dell’assemblea della sua comunità, sta incontrando associazioni di società civile e istituzioni in diverse città europee. Lo abbiamo accolto e ascoltato anche ad Assisi per prendere coscienza dello sterminio silenzioso dei popoli indigeni tra leggi ingiuste e leggi giuste che restano sulla carta; tra politica corrotta e multinazionali che si arricchiscono sfruttando una terra che da millenni è abitata da popolazioni che credono che la terra sia madre; tra gruppi paramilitari al soldo dei latifondisti e pesticidi che seminano morte. E poi deforestazione, minacce continue, omicidi, miseria… Insomma, incontrare Ladio è come aprire un sipario su una terra ignorata più che lontana, è ascoltare un grido, il pianto di un popolo che non ha mai rinunciato alla propria fierezza e alla propria dignità e chiede rispetto. Sono i guardiani dell’ecosistema, dei polmoni dell’Amazzonia con cui anche noi respiriamo. Sono la cartina di tornasole di una globalizzazione che sull’altare del profitto prevede di sacrificare uomini e popoli al diodenaro. Una tragica idolatria di cui sembriamo inconsapevoli adepti. I Kaiowa Guarani non sono panda in via di estinzione. Sono piuttosto l’ultima linea di difesa di un mondo altro che non dobbiamo rassegnarci a vedere dissolversi in nome del nostro presunto benessere. Sono il nostro futuro.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36