Pio La Torre

26 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio

Pio La Torre è uomo che ha avuto il coraggio di sposare la sua terra controvento, senza compromessi. Rifiutandosi in ogni modo e in ogni circostanza di voltarsi dall'altra parte. Perché un politico con lo sguardo lungo è quello che non si fa guidare da ciò che più conviene a sé, al partito, al consenso, ma alla gente, ai cittadini tutti. Per questo Pio La Torre non solo non esitò a denunciare la mafiosità che lo circondava, ma intelligentemente si oppose anche all'installazione dei missili a Comiso, segno di un'altra mafia internazionalmente legittimata e “benedetta”. Lo sguardo lungo e profondo di Pio La Torre intuì per primo che il carcere non bastava e che bisognava colpire le mafie nel cuore dei loro interessi, nel portafogli, nella “roba”, come diceva verganamente. E non solo non si lasciò mai distrarre dalla carriera politica,  dagli incarichi di partito e dagli scranni di Montecitorio, piuttosto li utilizzò per portare a Roma il senso della presenza mafiosa che non riguardava più soltanto la Sicilia. Lui quella terra l'aveva veramente sposata. È questo il senso dell'inizio del discorso di Enrico Berlinguer al suo funerale, dopo che il 30 aprile 1982 la mafia siciliana o quella mafia internazionale o tutte e due in convergenza di interessi, pretesero di farlo tacere per sempre. Berlinguer iniziò così, un riferimento tutt'altro che banale: "Pio La Torre è stato ucciso a poche centinaia di metri da dove era nato”.

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26