In Egitto cristiani e musulmani insieme

27 giugno 2017 - Tonio Dell'Olio

La Chiesa copta di Egitto è sicuramente tra le comunità più a rischio. Il fondamentalismo fanatico tinteggiato di Islam continua a colpire violentemente e tragicamente quella Chiesa causando vittime, sofferenze e lutti. Ma come sempre accade, è proprio nel tunnel apparentemente inestricabile di quelle vicende che bisogna cogliere i tenui raggi della speranza. E avviene così che in questi giorni in cui i musulmani festeggiano la fine del Ramadan, che è una delle feste più importanti dell’anno, alcuni cristiani copti d’Egitto si sono distinti per aver aiutato i propri vicini musulmani a preparare da mangiare per la festa. Cioè, come sempre, hanno festeggiato insieme. Non è una notizia destinata a fare clamore quanto una deflagrazione, ma è bella e importante perché destinata piuttosto a far crescere questo mondo nella direzione giusta che è quella della fraternità universale, della comprensione e dell’accoglienza. Inutile cercare conferme della notizia in rete. Se nel motore di ricerca scrivo “chiesa copta” e “ramadan” tutto mi rimanda agli attentati dei mesi scorsi. Così va il mondo che chiamano dell’informazione!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36