La sconfitta dei Casamonica

6 settembre 2017 - Tonio Dell'Olio

É un vero peccato che i piccoli passi verso la giustizia non facciano altrettanto clamore quanto la sconfitta della giustizia stessa. Ricorderete tutti il faraonico funerale del Casamonica, di quanto se ne sia parlato e delle immagini che sono state trasmesse centinaia di volte da tutti gli schermi televisivi con sottofondo della musica del Padrino suonata dalla banda e di petali lanciati dall'elicottero. Ebbene ieri in via Roccabernarda a Roma, la Regione Lazio ha consegnato una villa confiscata agli stessi Casamonica. Si tratta di seicento metri quadrati che diventeranno un centro polifunzionale sull’autismo: il primo nella Capitale. Il valore di mercato dell’abitazione è di circa 1 milione e 400mila euro. Dal 21 febbraio, data in cui l'edificio è stato sgomberato ed è passato nella disponibilità della Regione Lazio, si è provveduto a emanare un bando pubblico cui hanno partecipato undici soggetti tra associazioni e cooperative sociali. È stato scelto il progetto presentato dall'Associazione nazionale genitori soggetti autistici per i criteri innovativi di cui si faceva portavoce. Davvero una conversione della villa che rappresentava un segno di potere di quella famiglia e che ora assume potere di segno per la giustizia e il servizio alle persone con disagio.

Ultimo numero

Nell'era della globalizzazione
NOVEMBRE 2017

Nell'era della globalizzazione

Tutto diventa globale e il “pensiero unico” occidentale si materializza
come intreccio di poteri e forme di dominio…
Nell’arena globale, le multinazionali ricoprono il vuoto lasciato
dallo Stato-nazione e questo è il più grave danno
per ogni sforzo di democrazia.
Noam Chomsky
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.6