La sconfitta

14 novembre 2017 - Tonio Dell'Olio

Non è polemica la mia. Anche perché capisco bene il valore di una sconfitta della nazionale di calcio del proprio Paese che, per questo, non potrà partecipare al Campionato Mondiale per la prima volta dopo 60 anni. Capisco bene che ci sono conseguenze e implicazioni economiche e sociali. Forse anche politiche. Ma che accanto a questa importante notizia si desse quantomeno un aggiornamento della situazione nelle zone iraniane e irachene colpite dal terremoto... E invece nulla. La notizia sembra scomparsa dall'agenda dell'informazione. Si tratta di centinaia di morti e di migliaia di feriti in zone già provate dal terrorismo fondamentalista che ha prodotto stragi. Un silenzio incomprensibile da parte di chi - prima e più di altri - dovrebbe avvertire l'urgenza e il beneficio della solidarietà internazionale che nasce dalla conoscenza dei fatti. Come dire che non è stata sconfitta solo la nazionale ma anche il senso umano di vicinanza a chi soffre. 

Ultimo numero

Nell'era della globalizzazione
NOVEMBRE 2017

Nell'era della globalizzazione

Tutto diventa globale e il “pensiero unico” occidentale si materializza
come intreccio di poteri e forme di dominio…
Nell’arena globale, le multinazionali ricoprono il vuoto lasciato
dallo Stato-nazione e questo è il più grave danno
per ogni sforzo di democrazia.
Noam Chomsky
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.5