I dubbi sulla preghiera di Berlusconi

18 dicembre 2017 - Tonio Dell'Olio

Di seguito riporto la notizia così come si poteva leggere due giorni fa sul quotidiano Libero sotto il titolo: “Silvio Berlusconi scrive una preghiera per i poveri - tutti i forzisti dovranno recitarla”. Mi esimerei da ogni commento se non fosse che almeno la preghiera dovrebbe essere considerata una zona franca da strumentalizzazioni di ogni tipo e di ogni parte e che, compito specifico dei partiti è piuttosto quello di proporre politiche efficaci per il bene comune. Ma non solo la preghiera, anche i poveri qui vengono usati (o abusati?) per rafforzare il consenso perché più che di preghiere i poveri hanno necessità di scelte personali e politiche che tendano a eliminare le cause della miseria. Per come la penso io, le scelte personali e politiche di Berlusconi & c. hanno contribuito non poco a creare degrado e povertà nel nostro Paese e nel mondo. 

“Pare che ultimamente Silvio Berlusconi soffra d'insonnia e che sfrutti le notti per scrivere. Scrivere una "preghiera". Non è per Natale, l'"orazione" del Cav è rivolta alle "fasce deboli". Lo stesso presidente di Forza Italia, rivela il Messaggero in un retroscena, la reciterà nei vari appuntamenti per il voto di marzo, ospitate tv comprese. E dovranno conoscerla a memoria anche i candidati forzisti che parleranno nei comizi. Non solo dovranno recitarla con una voce calda che sappia toccare il cuore dei bisognosi. Lo scopo della preghiera di Berlusconi è che 'Forza Italia arrivi al 30 per cento'. Detto questo l'orazione si compone di due parti. La prima 'è un riepilogo politico-morale di ciò che nei suoi governi è riuscito a realizzare. La seconda, più nuova, è quella di tipo solidale, quasi da socialista umanitario o addirittura da seguace del new deal rooseveltiano o da merkeliano di sinistra'. Il Cav propone quindi l'innalzamento delle pensioni minime, più proteine per i bambini poveri. 'I cittadini mai come in questa fase hanno bisogno di protezione e di rassicurazione. Il compito di fare politiche sociali spetterebbe alla sinistra, ma quella pensa soltanto alle banche e a combattersi al suo interno sulle banche. Quindi, ai poveri, ci dobbiamo pensare noi'”.

Ultimo numero

Il futuro del Medioriente
GIUGNO 2018

Il futuro del Medioriente

Dalla Siria all'Egitto, dallo Yemen alla Palestina:
in Medioriente si ridisegnano equilibri e poteri.
Cosa sta accadendo in questa regione
così importante per tutto il mondo?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.8