Un registro di battesimo

11 gennaio 2018 - Tonio Dell'Olio

In pochi se ne sono accorti, ma ieri Papa Francesco ha operato un'altra apertura concreta e questa volta a favore del suo Paese, l'Argentina. A favore delle vittime del regime militare troppo spesso e troppo sbrigativamente dimenticate da tanti. Ieri il Papa ha ricevuto in udienza Mons. Santiago Olivera, l'Ordinario militare nominato di recente proprio da Francesco. Una delle cose che hanno concordato è che il vescovo renda noto il registro dei battesimi amministrati negli anni 1975 – 1979 nella cappella della ESMA (Scuola di meccanica della Marina Argentina) quando molti giovani donne sequestrate (desaparecidas) furono barbaramente detenute in quegli ambienti ed essendo in gravidanza si videro sottrarre i propri figli che vennero dati clandestinamente in adozione. Il registro di battesimo dovrebbe quanto meno rendere noto il numero di bambini dati alla luce in quegli anni tra quelle mura. È un passo avanti nella conoscenza della verità di cui non si deve mai avere paura quando non si ha nulla da nascondere. Per questa ragione non sarebbe tollerabile e comprensibile una reticenza anche della Chiesa riguardo a quanto avvenuto in quegli anni. Se scrivo di questa notizia non è solo perché ho visto che in Italia non è stata ripresa e in Argentina, invece, è sulle prime pagine dei giornali, ma soprattutto perché più volte ho avuto la grazia di visitare quei luoghi e soprattutto di conoscere alcuni dei figli nati in prigionia e dei parenti che li hanno sognati, desiderati, amati pur non avendoli mai conosciuti.

Ultimo numero

Il futuro del Medioriente
GIUGNO 2018

Il futuro del Medioriente

Dalla Siria all'Egitto, dallo Yemen alla Palestina:
in Medioriente si ridisegnano equilibri e poteri.
Cosa sta accadendo in questa regione
così importante per tutto il mondo?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.8