Liliana Segre, parola di sopravvissuta

24 gennaio 2018 - Tonio Dell'Olio

“Noi testimoni della Shoah stiamo morendo tutti, ormai siamo rimasti pochissimi, le dita di una mano, e quando saremo morti proprio tutti, il mare si chiuderà completamente sopra di noi nell'indifferenza e nella dimenticanza. Come si sta adesso facendo con quei corpi che annegano per cercare la libertà e nessuno più di tanto se ne occupa. Io – devo dire la verità – ho voluto sempre vivere ma non sono in vita perché ho voluto vivere dal momento che tutti volevano vivere. La spinta a vivere è connaturata in noi. Da quando usciamo da quell'utero gridando, fino all'ultimo momento della vita, uno è in vita. E io a questi ragazzi a cui parlo regolarmente dico sempre: 'Ragazzi la vita è stupenda. Amate la vita e non perdete un minuto di questa vita, che la vita non è solo l'orrore di Auschwitz per fortuna, perché se no non si chiamerebbe vita e infatti quella si chiamava morte'. La vita può avere dei risvolti stupendi. La spinta che c'è dentro ogni essere umano alla vita è grandissimo. È come il girasole che si volta verso il sole e lo cerca: è la natura che glielo dice”. (Liliana Segre, in un’intervista a ‘Bel tempo si spera’ su Tv2000 il 24 gennaio 2018)

Ultimo numero

Con una matita in mano
FEBBRAIO 2018

Con una matita in mano

La politica deve ritrovare il suo spazio.
Nell’antica “agorà”, luogo privato e pubblico al tempo stesso, l’uomo occidentale potrà tornare a interrogarsi e le sofferenze private potranno essere finalmente pensate e vissute come problemi condivisi, comuni e politici.
Zygmund Bauman
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.7