È l'informazione bellezza

1 febbraio 2018 - Tonio Dell'Olio

Non posso nascondere che mi ha destato molta impressione constatare che il giorno del “disastro ferroviario” di Pioltello la notizia era ampiamente presentata e commentata con foto in prima pagina di tutti i giornali cartacei, di tutte le testate televisive e dei siti informativi in rete, ma che il giorno dopo si faceva fatica a rintracciarne ancora la presenza, a raccoglierne qualche sviluppo. Giusto come cronaca riferisco che nelle pagine de La Repubblica la notizia era scivolata a pagina 16. “È l'informazione, bellezza!” potreste rispondermi e avrete anche ragione, perché senz'altro la cosa obbedisce alle stringenti regole della comunicazione giornalistica secondo le quali chiodo schiaccia chiodo e che la gente ha bisogno sempre di una vittima più fresca su cui poter versare lacrime. Ma guai a noi a rassegnarci a questa barbarie della mente e delle emozioni! Mi appare come un degrado dell'anima per il quale le vittime sono “notiziabili” secondo rigide coordinate spazio-temporali ovvero se sono recentissime e se sono vicine. Pertant,o i morti in Yemen e in Afghanistan, anche se sono quantitativamente più numerose, non sono importanti quanto un morto francese o uno lombardo e il morto del giorno prima deve essere servito caldo a dispetto dei venti dell'altro ieri! Peccato! Perché il disastro ferroviario, ad esempio, poteva anche servire a raccontare la quotidianità dell'Italia pendolare, dell'affollamento di vagoni ferroviari e metropolitani, del disagio che potrebbe far rumore se solo solo si considerassero anche le vittime dello stillicidio di questo stile di vita.

Ultimo numero

Il futuro del Medioriente
GIUGNO 2018

Il futuro del Medioriente

Dalla Siria all'Egitto, dallo Yemen alla Palestina:
in Medioriente si ridisegnano equilibri e poteri.
Cosa sta accadendo in questa regione
così importante per tutto il mondo?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.8