Filastrocche migranti

15 febbraio 2018 - Tonio Dell'Olio

“So come mi chiamano ma non come mi chiamo, / il nome l'ho smarrito senza sporgere reclamo, / dimoro in una stanza come merce in magazzino: / buongiorno a tutti, sono clandestino. / Dev'esserci un equivoco, qualcosa di sbagliato, / mi dicono che avrei commesso un crimine, un reato, / allora mi domando se son ladro o assassino, / poi scopro di esser solo clandestino. / Se c'è un po' di giustizia, se c'è vera uguaglianza, / avrò ben presto anch'io diritto di cittadinanza, / ma forse è un sogno matto, forse un sogno ballerino, / il sogno, almeno, non è clandestino”. È una delle ventuno “filastrocche migranti” che il maestro Carlo Marconi ha provato a comporre per spiegare le migrazioni ai suoi alunni. Ne ha ricavato un libro che si chiama 'Di qua e di là dal mare' (Ed. Gruppo Abele) che verrà presentato a Torino venerdì 23 febbraio. Lo accolgo come un colpo d'ali per emergere dalla palude delle paure enormizzate strategicamente e per provare a guardare nella profondità degli sguardi non solo il fenomeno (o il problema?) ma innanzitutto le persone che lo vivono (o ne sono vittime?). Una leggerezza che non offende ed è capace di comunicare vita. Solo vita. “Giro giro girotondo / com'è strano e buffo il mondo / cinque sono i continenti / che si abbracciano contenti / e una forte e salda fune / lega uomini e fortune / regge popoli e città / è la solidarietà”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36