Mafie silenti e mafie sanguinarie

2 marzo 2018 - Tonio Dell'Olio

Le mafie italiane in Slovacchia come in tanti altri Paesi europei e non europei sono presenti ormai da tanti tanti anni. Sono mafie silenti. Sono lì soprattutto per mettere a segno  affari lucrosi. Non si tratta di estorsioni, sequestri di persona o traffici illeciti tradizionali, quanto di infiltrazione nell'economia locale, riciclaggio di denaro sporco (questo sì proveniente da traffici illeciti), frodi, appalti pubblici da “turbare”. Gli apparati politici, investigativi ed economici, spesso sanno di queste presenze e talvolta entrano anche in contatto o in collaborazione con esse e si guardano bene dal denunciarle perché, almeno apparentemente, portano un beneficio all'economia locale. Pecunia non olet! C'è un matrimonio combinato che si celebra tra un'economia fragile, figlia della crisi e che fa fatica ad accedere al credito bancario, e un'altra forza economica, quella criminale, che ha tanto denaro liquido e la sola necessità di investirlo. Si tratta di necessità complementari e funzionali l'una all'altra. Poi, avviene che un giornalista slovacco indaghi, scriva, denunci pubblicamente e venga ucciso con la propria fidanzata oppure, come è successo a Duisburg in Germania, che si realizza un regolamento di conti con l'uccisione di sei persone e allora le autorità e il mondo intero sembrano accorgersi improvvisamente della presenza della 'Ndrangheta. Si tratta di ipocrisia certificata o di una visione arretratissima delle mafie e di un'attitudine difficile a scardinarsi secondo la quale solo il sangue fa notizia.

Ultimo numero

Il peso delle armi
DICEMBRE 2018

Il peso delle armi

Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
Quante sono le armi, leggere o pesanti,
esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
vi sono oggi nel mondo?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.9