Periferie di Chiesa

14 maggio 2018 - Tonio Dell'Olio

Ha ragione Brunetto Salvarani: "Papa Francesco, un papa cristiano, in 12 mesi a Bozzolo, Barbiana, Alessano, Nomadelfia, Loppiano, non risarcimento, ma restituzione a una memoria ecclesiale condivisa di figure chiave sul confine tra radicalità evangelica e grammatica dell'umano". Papa Francesco con ago e filo sta ricucendo una storia di Chiesa e di società italiane che per troppo tempo i palazzi hanno considerato minore, marginale, ininfluente e che oggi vengono recuperate come preziose traduzioni del Vangelo nel novecento del nostro Paese. Si tratta di uomini e donne che hanno anticipato o interpretato il Concilio Vaticano II nello spirito prima ancora che nella lettera, dando voce sì ai più poveri ma anche a tanti credenti che in Italia e altrove nel mondo non avevano la possibilità di proporre il proprio contributo alla sordità, alla disattenzione, al pregiudizio dei vertici tanto politici quanto ecclesiali. Ma ciò che sta avvenendo non è soltanto una restituzione. È un rimettere in circolo la linfa pura che è sgorgata da quei cuori innamorati di Cristo e della vita. Solo un Papa giunto a Roma dalla periferia estrema della terra poteva far comprendere la saggia profondità delle periferie del pensiero della Chiesa di casa nostra.

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26