Quel quadro di Scampia nella Sistina

16 maggio 2018 - Tonio Dell'Olio

È la bellezza che salverà il mondo. Lo ripetiamo con Dostoevskij, Todorov, don Tonino Bello... Perché nutrire lo sguardo e il cuore di arte e di poesia - contrariamente a quanto si è detto – dà da mangiare. Al cuore, all'anima. E questa mattina lo comprenderanno bene – ne sono sicuro – i cinquanta ragazzi di Scampia che alle 10 visiteranno i Musei Vaticani per un'iniziativa del Dicastero vaticano per il Servizio dello sviluppo umano integrale che coinvolge il gruppo “Dignità e bellezza” dell'Istituto superiore Attilio Romanò di Scampia, Secondigliano e Miano e il Centro Hurtado di Scampia. Piccola cosa, diranno alcuni. Eppure io sono sicuro che non solo quei ragazzi non dimenticheranno questa giornata per tutta la loro vita, ma che quell'abbondanza travasante bellezza di Raffaello e Michelangelo e di tanti altri, entrerà sino nei polpastrelli delle loro dita a fare eco all'arte, che ha un potere educativo, che va oltre la nostra stessa immaginazione. Tanto che nella mia immaginazione d'ora in poi ci sarà un angolo, un pezzo di volta, una voluta, affrescata da quei ragazzi o raffigurante la rinascita di Scampia. È il potere trasfigurante della bellezza che – come l'amore - tutti dovremmo poter sperimentare nella vita. Sino a salvare il mondo, appunto.

Ultimo numero

Ascoltino gli umili e si rallegrino
APRILE 2018

Ascoltino gli umili e si rallegrino

Don Tonino Bello oggi rivive nei passi di papa Francesco. dal sud del mondo
e dalle periferie, arriva un messaggio di speranza e di pace vera per tutti.
All'interno, un dossier che ripercorre alcuni passaggi cari a don Tonino riattualizzandoli nel nostro tempo.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.7