Come si muore da giornalisti in Messico

17 maggio 2018 - Tonio Dell'Olio

Sono avvenute ieri le esequie del giornalista messicano Carlos Huerta Gutiérrez, della radio e tv dello Stato meridionale di Tabasco. Si è trattato di una vera e propria esecuzione, un agguato in piena regola come per gli altri tre giornalisti uccisi in Messico dall'inizio dell'anno. E pensare che l'assassinio di Huerta è avvenuto esattamente a un anno dall'omicidio di Javier Valdez che era il notissimo e coraggioso giornalista de La Jornada. Insomma, servire l'informazione in maniera scrupolosa e corretta, senza compromessi e con libertà in Messico è diventato un atto eroico, la firma preventiva di una condanna a morte. Peggio che nelle zone di guerra. O forse dobbiamo convincerci che il Messico è in guerra come continuano ad affermare gli stessi presidenti che si succedono. In guerra con il narcotraffico – dicono loro - ma anche con il clima di totale impunità e di corruzione - dicevano Carlos Huerta Gutierrez, José Gerardo Martínez, Carlos Domínguez e Javier Vázquez – che hanno continuato a denunciare. A proposito, di nessuno di questi delitti sono stati riconosciuti esecutori e mandanti. Come nella stragrande maggioranza degli assassini in Messico. Ragione in più per essere tanto vicini alla famiglia di Huerta e alla maggioranza dei messicani che è costituita da persone oneste e, a volte, anche coraggiose. Un abbraccio alla madre di Carlos, la più coraggiosa di tutti: nel corso dei funerali ha avuto parole di perdono per gli uccisori del figlio. 

Ultimo numero

Il futuro del Medioriente
GIUGNO 2018

Il futuro del Medioriente

Dalla Siria all'Egitto, dallo Yemen alla Palestina:
in Medioriente si ridisegnano equilibri e poteri.
Cosa sta accadendo in questa regione
così importante per tutto il mondo?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.8