Il doloroso “mistero” di Ilaria e Hrovatin

8 giugno 2018 - Tonio Dell'Olio

Questa mattina, presso il tribunale di Roma, il giudice Andrea Fanelli dovrà decidere se continuare a indagare sulla morte di Iaria Alpi e Miran Hrovatin o accettare la richiesta di archiviazione della Procura. Per questo sono tante le associazioni che partecipano al sit-in organizzato a Piazzale Clodio per chiedere di non rassegnarsi e piuttosto di continuare a fare luce sul caso che, non soltanto riguarda l'uccisione di due giornalisti, quanto il giro sporco di corruzione e illecito che molto probabilmente tocca membri delle istituzioni del nostro Paese. Verso Ilaria e Miran abbiamo contratto un debito di verità e di giustizia, e dobbiamo saldarlo per loro, per le loro famiglie, per i colleghi, per la libertà di informazione. Ma ciò a cui tutti non possiamo rassegnarci è il fatto che nel nostro Paese la legge non sia uguale per tutti e che i misteri restino tali per anni e anni e che qualcuno possa arrivare a dire “che tanto è sempre stato così” e che non cambierà mai niente. Non so se esistano dei coefficienti o dei criteri per misurare il grado di civilizzazione di una nazione: la scomparsa del vocabolo “mistero” dal dizionario giornalistico e giudiziario è sicuramente un fattore determinante. 

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20