Digiuno d'accoglienza

10 luglio 2018 - Tonio Dell'Olio

Un digiuno per dire con i nostri stessi corpi la sorte di tante persone in carne e ossa che sono costrette a fuggire dai propri paesi e ad andare incontro alla tortura del deserto, delle mafie libiche e del mare. Della nostra inospitalità e dell'indifferenza. Ecco, un digiuno per dire che ci siamo. Questo intendono fare i cristiani che, alle 12 di oggi, si ritrovano a Piazza San Pietro, a Roma, per andare verso Montecitorio e dare inizio a un digiuno a staffetta, che proseguirà per dieci giorni. Una giornata di "digiuno di giustizia in solidarietà con i migranti" e contro le politiche migratorie del governo, ricordando le parole del profeta Isaia: "Il digiuno che voglio non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato, nell'introdurre in casa i miseri senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo senza trascurare i tuoi parenti?". È il naufragio dei migranti, dei poveri, dei disperati, ma è anche il naufragio dell’Europa, e dei suoi ideali di essere la “patria dei diritti umani”. La Carta della UE afferma: “La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36