L'orizzonte di Angelo

5 settembre 2018 - Tonio Dell'Olio

Nell'Italia dei misteri eterni succede che passino otto anni dall'omicidio di Angelo Vassallo (5 settembre 2010) e che non vi sia ancora uno straccio di verità sui fatti e sui responsabili (esecutori e mandanti). Dal punto di vista giudiziario, finora, ci sono solo procedimenti a carico di rappresentanti delle forze dell'ordine con l'accusa d'aver contribuito a depistare il corso delle indagini. Troppo tempo, infatti, si è perso a indagare nella vita privata del “sindaco pescatore” che avrebbe scatenato la violenza omicida. Una cosa è certa: Angelo amava il mare, la terra e l'aria pulita. In questo modo dimostrava di amare anche le persone e i cittadini di Pollica. Un'ecologia integrale da Laudato sì ante litteram. Perché Angelo Vassallo, forse, ha solo precorso i tempi, arrivando prima di tanti altri alla comprensione dell'importanza dell'attenzione ambientale come fulcro delle politiche da disegnare per un territorio e la sua comunità. A distanza di otto anni dal suo omicidio dobbiamo ammettere che abbiamo ancora molto da imparare da quell'uomo mite e ostinato che immaginiamo in ginocchio a baciare la terra del Cilento e a solcare quel tratto di mare con la sua barca mostrandoci un orizzonte che noi non riusciamo ancora a intravedere.

Ultimo numero

L’esercizio del perdono
LUGLIO 2018

L’esercizio del perdono

Il perdono dà una possibilità all’evoluzione esistenziale.
È scelta deliberata di credere in Dio
perché si è ancora capaci di credere nell’umano.
E viceversa.
È il non arrendersi mai all’orrore.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.10