Lezioni africane

21 settembre 2018 - Tonio Dell'Olio

Per “aiutarli a casa loro” è indispensabile almeno coltivare buoni rapporti con i rispettivi governi delle nazioni di provenienza dei migranti. Il ministro degli interni italiano, invece, non solo si è lasciato sfuggire un apprezzamento sconveniente, in una sede autorevole, definendo i migranti come dei moderni schiavi, nel corso dell'incontro dei ministri degli interni dei Paesi dell'Unione Europea ma, di fronte alle proteste dell'intera Unione africana (Ua), ha teso a ironizzare, parlando di cattiva traduzione in francese. “Non ho niente di cui scusarmi” - ha ribadito il ministro in maniera definitiva. “È opinione dell’Unione Africana che le dichiarazioni non risolveranno le sfide migratorie che affliggono l’Africa e l’Europa”, ha affermato la Commissione dell’Ua in una nota. Intanto, sono Francia e Cina a coltivare relazioni produttive con quei Paesi e a investire anche nella diplomazia,mi che talvolta aiuta. Se negli incontri al vertice si parla come nella sala del biliardo del bar di periferia ovvero come in un post di Twitter o di Facebook, è difficile ricucire e stabilire relazioni positive. Ce lo insegnano gli africani nella speranza che siamo ancora in tempo per comprendere.

Ultimo numero

Il Gandhi italiano
SETTEMBRE 2018

Il Gandhi italiano

Un dossier dedicato ad Aldo Capitini e alla nonviolenza,
nel cinquantesimo anniversario della sua morte.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.10