Lettera dal Congo

9 ottobre 2018 - Gianni Novello

Carissimi, vi sto scrivendo poco o niente perché il dolore per il Congo mi indebolisce. 

Continuo comunque ad essere fedele almeno a quel che si può fare. 

Non riesco a farvi parte di tutte le notizie che ricevo da tante fonti del Kivu. Potrei mandarvele in francese. Talvolta sono notizie terribili. Eppure non bisogna lasciarsi paralizzare.

Evviva il premio Nobel della pace a un segno di speranza in Congo.

Eppure oggi a Butembo hanno arrestato e portato via bendato dai soldati un professore dell’università molto impegnato con la società civile per la democrazia e la pace giusta. È il terrorismo di stato. 

A Lukanga il lavoro da piccole formiche continua bene. In altre parti c’è disperazione. Ricevo messaggi di confidenza da amici per i quali pregare. 

Preghiamo ogni giorno per questi e per il Congo. 

Con affetto a tutte e a tutti.

Gianni Novello 

Ultimo numero

Il grido della terra
APRILE 2019

Il grido della terra

Non possiamo fare a meno di riconoscere che
un vero approccio ecologico diventa un approccio sociale,
che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull'ambiente,
per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri
Laudato Si’, 49
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.19