Se a scuola si fa politica

10 ottobre 2018 - Tonio Dell'Olio

A preoccupare non sono tanto le irriverenze istituzionali di questo o quell'altro rappresentante delle istituzioni, né quelle spacconate da bar che ricordano il “guappo di cartone” o il bullo del quale si ride di gusto alle spalle. A preoccupare è quella chiazza d'olio d'ignoranza che vedi allargarsi nel Paese a macchiare comunità e generazioni con false convinzioni, con paure infondate e con un repertorio di antologia sloganistica. Più che protagonisti, giovani e adulti ne restano vittime inconsapevoli e talvolta si credono eroi del cambiamento. Come quei docenti della scuola di Torremaggiore (Foggia) che hanno annullato l'incontro previsto con Roberto Matatia, lo scrittore ebreo autore de I vicini scomodi – Storia di un ebreo di provincia, di sua moglie e dei suoi tre figli negli anni dei fascismo (Giuntina). Si racconta delle persecuzioni cui fu sottoposta un'intera famiglia, come tante a quell'epoca, in seguito all'entrata in vigore delle leggi razziali di cui ricordiamo gli 80 anni in questi giorni. La motivazione dell'annullamento è che "invitare a relazionare un ebreo è una scelta politica e, a scuola, non si fa politica". Non so che effetto faccia tutto questo a voi che leggete, in me suscita ribrezzo. Ribrezzo perché non si coglie il significato del fare politica di cui la scuola è una delle espressioni più alte e poi perché tappare la bocca a Matatia significa giustificare le persecuzioni di 80 anni fa, facendo in questo modo la peggiore delle politiche possibili, quella del fascismo. Che bello sarebbe che lo stesso scrittore, a partire da oggi, avesse l'agenda piena di 365 incontri nelle scuole d'Italia per raccontare a tutti i giovani ciò che non deve ripetersi mai più.

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31