La parola al pallone

12 ottobre 2018 - Tonio Dell'Olio

Nell'epoca in cui – come andiamo ripetendo da tempo – gli slogan sembrano avere la meglio sui principi e sui valori, sulla riflessione argomentata e la documentazione seria, forse la comunicazione migliore è quella dei segni. Mi riferisco a una sorta di distillato sapiente dello studio o delle questioni che riteniamo fondanti la nostra stessa convivenza umana. Perché se è vero che ci sentiamo indifesi, esposti e disarmati di fronte a coloro che esercitano il potere nel peggiore dei modi possibili, ovvero plasmando la mente delle maggioranze talvolta con parole-scorciatoia e altre con parole-inganno, parole-pietra e parole-miccia, abbiamo sempre la possibilità di ricorrere ai segni. Ce lo ricordava don Tonino Bello: “Di fronte a coloro che ostentano i segni del potere, dobbiamo mostrare il potere dei segni”. E c'è bisogno di creatività e fantasia, di libertà interiore e  di grande intelligenza e ieri, ad esempio, nel carcere di Rebibbia, con Luigi Ciotti, Armando Zappolini, presidente del Coordinamento delle comunità di accoglienza e Sandro Spriano, cappellano nel carcere per una vita, abbiamo incontrato detenuti, giornalisti, università e associazioni per lasciar parlare la tolleranza, la comprensione reciproca, l'accoglienza dell'altro, in un triangolare di calcio. E hanno preso la “parola” il pallone, il tifo e la relazione semplice come lo sport. E soprattutto ha insegnato qualcosa la vittoria della squadra dei detenuti contro quella dei giornalisti Rai e dell'Atletico diritti.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36