Gelosi della libertà

16 novembre 2018 - Tonio Dell'Olio

Preservare il diritto ad un'informazione libera e affrancata dagli altri poteri, non equivale a garantire la sopravvivenza di una specie protetta e tantomeno in via di estinzione e nemmeno a congelare in cassaforte un patrimonio dell'umanità. Senza rischiare di esagerare si tratta di tutelare l'aria da respirare, anzi il respiro stesso. Perché a guardar bene nessuna delle attività quotidiane e normali è praticabile senza un'informazione la più libera possibile. E non parliamo dell'obiettività (non esiste in natura) ma piuttosto della possibilità che ogni persona venga a conoscenza di quel che succede nel mondo per poter operare al meglio le proprie scelte. Dal mangiare al pensare, dal viaggiare al votare sono conseguenza di conoscenza che mi raggiunge e sulla cui scorta mi oriento. Per questo coloro che hanno generato la bussola del nostro Paese e che erano stati costretti al silenzio o avevano dovuto subire la diffusione della menzogna, scolpirono quelle poche, essenziali, righe in cui si dichiarano gelosi della libertà: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure” (articolo 21 della Costituzione Italiana).

Ultimo numero

Il peso delle armi
DICEMBRE 2018

Il peso delle armi

Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
Quante sono le armi, leggere o pesanti,
esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
vi sono oggi nel mondo?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.3