Le armi di Baltimora

21 dicembre 2018 - Tonio Dell’Olio

Mendicanti, cerchiamo qualche segno di speranza mentre camminiamo verso la grotta di Betlemme e il crepuscolo di questo 2018. Forse uno spiraglio di luce tra le nuvole si affaccia nientedimeno che da Baltimora, negli Usa. Da quelle parti qualcuno – nella fattispecie la sindaca Catherine Pugh – si è accorta che ad uccidere sono le armi e che, quante più ce ne sono, tanto più si muore. Le fredde e meste statistiche riferiscono che in quella città sono ormai 4 anni di seguito che si contano 300 omicidi. Praticamente in un anno a Baltimora (621mila abitanti) c'è all'incirca lo steso numero di morti ammazzati che si registrano in tutta l'Italia! E allora la sindaca insieme alla polizia locale ha preso l'iniziativa di acquistare le armi dai cittadini che volontariamente vogliono disfarsene. E così i volenterosi e le istituzioni si sono dati appuntamento in un centro sportivo di periferia. 25 dollari per un caricatore di grandi dimensioni, 100 per una pistola o un fucile, 200 per un fucile semiautomatico e 500 per un fucile automatico. La vendita è immediata e in contanti. Non ci crederete ma, soltanto nel primo giorno dell'iniziativa, sono state raccolte 580 armi. Personalmente sono convinto che il giorno dopo Baltimora si è svegliata sentendosi più sicura e non più indifesa. Proprio il contrario di quello che sta avvenendo in Italia dove non riusciamo proprio a imparare da chi ha più esperienza di noi.

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29