Tra vendetta e perdono

15 gennaio 2019 - Tonio Dell'Olio

Il perdono è sempre un fatto personale, intimo, attiene alla coscienza di ciascuno. È frutto di un cammino, a volte di un travaglio. Spesso è vissuto come liberazione dalla prigione in cui la vendetta tiene in ostaggio la sofferenza. Il perdono non si deve e non si può pretendere. I familiari delle vittime del terrorista Cesare Battisti, vittime a loro volta della sua violenza e della violenza eletta a ideologia da alcune menti impazzite in quegli anni, non riescono ad avere parole di perdono e si può comprendere. Sono vite ferite che da 37 anni urlano giustizia. “Non trasformiamolo in un orco. Ho sentito che qualcuno si è lamentato che non scendesse dall’aereo in manette”, ha detto Alberto Torregiani che da 37 anni ha perso l'uso delle gambe a causa dei proiettili che Battisti gli ha esploso contro. "Mi aspetto che venga trattato con tutti i diritti e il rispetto che deve avere un detenuto. Niente benefici – conclude – ma nessuna ulteriore restrizione rispetto a quelle che la legge prevede”. Non c'è stata nessuna parola in più, nessun desiderio di vendetta, nessuna sbavatura che invece ci è toccato sentire da chi la Costituzione deve rappresentarla e dovrebbe bandire parole ed espressioni tipiche dei peggiori bar di Caracas. 

Ultimo numero

Il grido della terra
APRILE 2019

Il grido della terra

Non possiamo fare a meno di riconoscere che
un vero approccio ecologico diventa un approccio sociale,
che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull'ambiente,
per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri
Laudato Si’, 49
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.19