Il Papa e l'imam per lavorare insieme

5 febbraio 2019 - Tonio Dell'Olio

Della portata storica della visita di Papa Francesco negli Emirati Arabi si è già parlato perché si tratta della prima volta che il capo della cristianità si reca in visita nel cuore stesso, nella culla, della fede islamica. E sicuramente più delle parole, vale quel prendersi per mano tra Francesco e il “fratello” Ahmad Al-Tayyib, Imam di Al-Azhar, il massimo centro teologico sunnita. Concretamente però è la firma di quel documento sulla “Fratellanza umana per la Pace Mondiale e la convivenza comune” a segnare la storicità della visita. Per la prima volta nella storia delle religioni, in quel documento si va oltre il semplice rispetto e il riconoscimento dell'altro. Si supera persino la fase del dialogo e dell'incontro. Finalmente, nero su bianco, si dichiara solennemente che si uniscono le forze per lavorare insieme. Cosa assolutamente inimmaginabile fino a poco tempo fa. Si legge: “In nome di Dio (...), Al-Azhar al-Sharif – con i musulmani d’Oriente e d’Occidente –, insieme alla Chiesa Cattolica – con i cattolici d’Oriente e d’Occidente –, dichiarano di adottare la cultura del dialogo come via; la collaborazione comune come condotta; la conoscenza reciproca come metodo e criterio”. Adesso sarebbe utile, bello, conveniente, opportuno, coerente... che in tutte le città, vescovi e imam ripetessero la firma dello stesso documento perché tutti i credenti cristiani e musulmani assumano la stessa responsabilità. 

Ultimo numero

Il grido della terra
APRILE 2019

Il grido della terra

Non possiamo fare a meno di riconoscere che
un vero approccio ecologico diventa un approccio sociale,
che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull'ambiente,
per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri
Laudato Si’, 49
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.19