Vaticano: basta coprire

22 febbraio 2019 - Tonio Dell'Olio

Ogni commento apparirebbe superfluo. Riprendo a caso da La Stampa  un resoconto di Domenico Agasso jr. dei lavori di ieri in Vaticano sulle violenze e molestie sessuali perpetrate da preti e vescovi.

«Voi siete i medici dell’anima, ma in alcuni casi vi siete trasformati in assassini dell’anima». I capi della Chiesa riuniti nel summit anti-pedofilia hanno ricevuto, tra silenzio e lacrime, anche questa pesantissima e disperata accusa. È una persona abusata da un prete e poi liquidata come «bugiarda». Papa Francesco aveva invitato i leader religiosi ad ascoltare «il grido dei piccoli che chiedono giustizia», per «curare le gravi ferite dello scandalo pedofilia». E ieri, cardinali e vescovi hanno incassato questi «schiaffi morali», senza riuscire a trattenere la commozione di fronte alle testimonianze - proiettate in video - di cinque vittime, uomini e donne, abusati da sacerdoti. Il primo, un cileno, vuole soprattutto parlare di sé «in quanto cattolico. Una volta che ho preso coraggio la prima cosa che ho pensato è stata: vado a raccontare tutto a Santa Madre Chiesa, dove mi ascolteranno». Invece, «mi hanno trattato da bugiardo». C’è poi un’africana, che racconta: «Dall’età di 15 anni ho avuto relazioni sessuali con un prete. Questo è durato 13 anni. Sono stata incinta tre volte e mi ha fatto abortire tre volte, perché non voleva usare metodi contraccettivi». Avevo paura «di lui e ogni volta che mi rifiutavo di avere rapporti, mi picchiava». Il terzo, un sacerdote est-europeo, svela che «da adolescente andavo dal prete perché mi insegnasse come leggere la Scrittura durante la Messa; e lui toccava le mie parti intime. Ho anche passato una notte nel suo letto». Uno statunitense prova «ancora dolore per la disfunzione, il tradimento, la manipolazione che quell’uomo malvagio, che all’epoca era il nostro prete, ha inflitto alla mia famiglia e a me». Un asiatico è stato «molestato sessualmente per tanto tempo, e oltre cento volte, e queste molestie mi hanno provocato traumi e flashback per tutta la vita». L’angoscia ieri era già evidente nel volto del cardinale Filippino Louis Tagle, che ha tenuto la sua relazione con un evidente groppo in gola, affermando: «Coprire lo scandalo per proteggere gli abusatori e l’istituzione ha lacerato la nostra gente». (...)

(Domenico Agasso jr., La Stampa, 22.02.2019)

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20