Il coraggio della verità

28 febbraio 2019 - Tonio Dell'Olio

A memoria d'uomo non ricordo nessun'altra istituzione che come la Santa Sede abbia avuto il coraggio di mettere in piazza i propri panni sporchi, di predisporre strumenti di prevenzione e cura e di chiedere perdono. E sì, perché ci vuole coraggio a chiedere perdono. E poi a decidere di essere inflessibili verso la pedofilia, ad ascoltare le vittime, a dire con chiarezza “tolleranza zero” verso gli autori di molestie, maltrattamenti e abusi e ad essere coerentemente conseguenziali. Senza riguardo per i titoli, fossero anche altisonanti. Ricordo piuttosto regimi che nascondevano persino lo stato precario di salute del presidente o che ne rivelavano la morte una settimana dopo! Nei dibattiti televisivi assisto a peripezie degne del miglior acrobata di circo equestre per difendere le proprie posizioni e, persino in occasione di elezioni che hanno segnato sonore sconfitte, riuscire a interpretare quei numeri come il segnale di una parziale vittoria. Nel corso di un dibattito televisivo mi ritrovai un giorno con un noto politico, molto in auge in quella fase, e gli chiesi se nel periodo in cui era stato segretario del suo partito e ministro non avesse commesso degli errori. Lui mi rispose che era inevitabile perché è umano. Ma alla mia richiesta di chiederne perdono agli italiani, mi sorrise dicendo che gli chiedevo troppo. E non era nemmeno tra i peggiori! Avere il coraggio della verità è virtù nobile e non la si può chiedere a chi non ce l'ha. Dobbiamo avere l'umiltà e la sincerità di riconoscere che la chiesa di Francesco ha dismesso i panni di don Abbondio.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36