I colletti bianchi della massoneria di Castelvetrano

22 marzo 2019 - Tonio Dell’Olio

Solo un'opinione pubblica disattenta e un'informazione ancora più distratta non riesce a dare l'importanza dovuta a ciò che è emerso ieri a Castelvetrano in provincia di Trapani. Nella città natale di Matteo Messina Denaro sono state eseguite 27 ordinanze di custodia cautelare, in carcere o ai domiciliari, 5 obblighi di dimora, 4 informazioni di garanzia. Non si tratta dei soliti fiancheggiatori dei clan ma di una loggia massonica - di fatto un gruppo di affari - di cui facevano parte un ex sindaco, un ex vice-sindaco e uno dei candidati alla poltrona di primo cittadino alle prossime amministrative. Una ramificazione vasta di infiltrazioni e influenze che andavano dall'Assembea Regionale Siciliana al Viminale, passando per la stessa Commissione antimafia. Il tutto finalizzato all'esercizio del potere e ai soldi, tanti soldi. Il fatto, a mio avviso, non è isolato e non può essere recintato in un angolo della Sicilia. Le mafie senza questa fitta rete di “amicizie” e influenze non conterebbero nulla e sarebbero destinate ad esaurirsi. È invece proprio la forte complicità o assimilazione massonico-affaristica dei colletti bianchi a dargli forza. Lo hanno testimoniato molti collaboratori di giustizia (pentiti) e alcuni di questi sono stati ritenuti pazzi. Da Castelvetrano oggi ci fanno sapere che avevano ragione.

Ultimo numero

Il grido della terra
APRILE 2019

Il grido della terra

Non possiamo fare a meno di riconoscere che
un vero approccio ecologico diventa un approccio sociale,
che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull'ambiente,
per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri
Laudato Si’, 49
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.19