Donne crocifisse

9 aprile 2019 - Tonio Dell’Olio

Ieri sera ho incontrato e abbracciato Eugenia Bonetti, suora della Consolata che ha dedicato tutta la propria vita a far risorgere a nuova vita le donne vittime di tratta. Le nuove schiave. Del lavoro e del sesso. Del potere e del denaro. A lei Papa Francesco ha chiesto di scrivere le meditazioni per la tradizionale Via Crucis del Venerdì santo che ha luogo presso il Colosseo. E non poteva fare scelta più felice il Papa che indica così a tutti di guardare alle croci dei nostri tempi da cui pendono le donne col loro carico di dolore e di sofferenza. Giustamente la Comunità Papa Giovanni sta richiamando l'attenzione dell'opinione pubblica con una campagna nazionale che ha come titolo “Questo è il mio corpo”. Mercificare i corpi significa spogliare di dignità le persone. È operazione perversa, diabolica, come quella compiuta nei campi di sterminio in cui la spersonalizzazione arrivava a rendere l'altro un numero di matricola tatuato sul braccio e niente più. Non so se ci sia mai stata un'epoca in cui l'esercizio della prostituzione poteva essere una scelta libera e consapevole, ma oggi è sicuramente riduzione in schiavitù delle più terribili così come il lavoro-schiavo che ancora si compra e si vende nei campi e nei laboratori tessili, nei cantieri e nelle fabbriche degli angoli più remoti del mondo. Il Venerdì santo queste storie saranno ostentate e presentate al mondo su una croce fino a farci vergognare e pentirci, forse a convertirci.

Ultimo numero

Il grido della terra
APRILE 2019

Il grido della terra

Non possiamo fare a meno di riconoscere che
un vero approccio ecologico diventa un approccio sociale,
che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull'ambiente,
per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri
Laudato Si’, 49
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.19