Sri Lanka

23 aprile 2019 - Tonio Dell'Olio

Tutte le parole che vorrei provare a pronunciare con la tastiera mi si congelano sulle dita. Non riesco a commentare le ragioni del dolore, della morte, della distruzione abbattutesi sui cristiani inermi dello Sri Lanka senza pensare al sangue versato. E di fronte allo spargimento di sangue ogni commento appare più che superfluo e inutile, risuona quasi come un'offesa. Non si deve poter disquisire di fondamentalismi e di politica strabica, di dèi violenti e di una caricatura delle fedi trasformate in fanatismo assassino. C'è troppo dolore. Nelle vittime e nei loro familiari, così come nei feriti nel corpo e nello spirito. Penso ai bambini che tremeranno per tutta la vita ogni volta che qualcosa ricorderà loro quel momento terribile. Il fragore, i corpi straziati, l'odore del sangue, i volti terrorizzati, la mano tenuta al padre durante la messa e che si stringe quasi a rompere quella più piccola, il tremore nelle gambe che non ti dà pace, le preghiere strozzate. Il silenzio vuoto e poi quel fischio che resta nelle orecchie e non ti permette di sentire più nulla per molto tempo. Il sangue, troppo sangue. Un fiume che implora una diga. Perché non può essere un uomo a pianificare di infliggere un dolore così forte. Perché?

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20