Economy of Francesco

13 maggio 2019 - Tonio Dell'Olio

È datata Primo maggio la lettera con cui Papa Francesco convoca ad Assisi l'anno prossimo dal 26 al 28 marzo l'evento Economy of Francesco. Ed è facile intuire che non si tratta affatto di una data casuale. Papa Francesco ha convocato in Assisi giovani imprenditori e imprenditrici ed economisti per siglare un patto comune, un processo di cambiamento globale che veda in comunione di intenti non solo quanti hanno il dono della fede, ma tutti gli uomini di buona volontà, al di là delle differenze di credo e di nazionalità, uniti da un ideale di fraternità attento soprattutto ai poveri e agli esclusi”. Un'economia insomma che non ponga il profitto come esigenza unica e assoluta ma piuttosto le persone in carne ed ossa, a cominciare dai lavoratori (1° maggio!). Sobrietà, povertà (che non è sinonimo di miseria), condivisione, circolarità, comunione... costituiscono la risposta efficace all'economia che uccide. Quella che brucia – ricordiamolo - sulla pelle del 99% degli abitanti del pianeta. La risposta consiste nel riuscire a “studiare e praticare una economia diversa, quella che fa vivere e non uccide, include e non esclude, umanizza e non disumanizza, si prende cura del creato e non lo depreda”. Grazie Papa Francesco.

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26