Se il pianeta fosse una banca

24 maggio 2019 - Tonio Dell'Olio

Felice congiuntura. Oggi ricorre il quarto anniversario della pubblicazione dell'Enciclica Laudato si' e tantissimi giovani in tutto il mondo sono per strada a scioperare per il clima. L'ottima Nicoletta Dentico mi sta facendo partecipare di fatto a questa festa amara degli adolescenti che lungo le strade di Roma chiedono al mondo degli adulti, e a chi è impegnato nelle istituzioni, di lasciargli un mondo più pulito. In tutti i sensi. E a me sembra come l'imperativo sociale e interiore sulla crisi più insidiosa e difficile che ci troviamo ad affrontare e alla quale non riusciamo ancora a porre l'attenzione che merita. Ne va del nostro futuro e del futuro delle generazioni a venire. Qualche tempo fa, nel corso di una riunione sull'emergenza ambientale, si discuteva su come riuscire a persuadere la gente che la posta in gioco è davvero molto alta. Una signora chiese di intervenire dicendo una cosa banale e grave nello stesso tempo: “Facciamo un minuto di silenzio e ciascuno pensi agli amici, ai parenti, alle persone a cui ha voluto bene, che sono morte a causa di un cancro”. Siamo rimasti senza parole. Intanto Nicoletta continua a inviarmi le foto e appare un ragazzotto con un cartello che dice: “Se il pianeta fosse una banca l'avreste già salvato”. Io spero che domenica andremo a votare perché l'Europa possa contribuire a salvare il mondo dalla rottamazione cui sembra essere avviato.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36