I 1800

27 maggio 2019 - Tonio Dell'Olio

Tra l’esito delle elezioni del Parlamento europeo e il dramma dei 1800 lavoratori e lavoratrici di Mercatone Uno che è miseramente fallito, non ho alcun dubbio: darei la prima pagina ai secondi. Non per provincialismo italico e nemmeno per sottovalutare la portata della tornata democratica continentale con tutto ciò che ne deriva. Semplicemente perché quei lavoratori e lavoratrici mi rimandano alle loro famiglie e ai loro progetti di vita, al senso di sconfitta e al fallimento personale, prima ancora che economico, alle ripercussioni inevitabili che tutto questo ha di fatto nella loro vita. Questa mattina sicuramente gli ex dipendenti di quell’azienda saranno poco interessati e coinvolti dalle percentuali di voto di questa o di quella forza politica, eppure sono convinto che anche da chi andrà ad occupare gli scranni di Bruxelles/Strasburgo dipenderà la soluzione o meno della loro situazione. È in questi casi che si tocca con mano l’importanza della politica e del fatto che non “sono tutti uguali”. Ed è per questo che non possiamo lasciare soli quei lavoratori e le loro famiglie, vittime di “un’economia che uccide”, come dice Papa Francesco, e insieme a loro (e anche agli eurodeputati neoeletti) contribuire a creare un’economia che dà vita, come dovrebbe essere naturale. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36