Scappare dalla guerra

30 maggio 2019 - Tonio Dell’Olio

Senza disturbare chissà quali grandi principi evangelici o democratici, basterebbe la giurisprudenza dei trattati internazionali e degli articoli della Costituzione (vedi art. 10) a dire che quei povericristi che scappano dalla Libia non possono essere respinti ma devono essere accolti. Mi si risponde che non vengono respinti ma che devono essere soccorsi dalla Guardia Costiera libica. Ora, i trattati e la Costituzione ci obbligano a fornire asilo a coloro che fuggono da guerre o da violazioni di diritti umani. Ebbene, siccome in Libia ricorrono entrambe le condizioni, come spiegheremo al mondo intero che noi chiediamo di soccorrere i profughi a coloro dai quali scappano? Ovvero che noi vogliamo che siano riportati nel luogo da cui scappano per disperazione e per paura? A me sembra una verità di tale evidenza che non impegnerei altre parole. Dico solo che personalmente non vorrei trovarmi nella condizione in cui, scappando dalla guerra e dalla tortura, quelli a cui chiedo aiuto mi riconsegnino ai torturatori sotto le bombe di un conflitto. Se poi scoprissimo che tra quei profughi ce ne sono alcuni che scappano già da altre guerre nei loro paesi d'origine...

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36