Segen

20 giugno 2019 - Tonio Dell’Olio

Se avessi visto solo il volto di Tesfalidet Tesfom detto Segen, senza il contesto, avrei detto: è un'immagine di repertorio di un sopravvissuto a un campo di sterminio nazista. Invece Segen era un cittadino eritreo e quella foto è stata scattata al momento del suo approdo a Pozzallo il 12 marzo 2018 a bordo della Proactiva (Open Arms). Pesava 36 chili, era denutrito e non si reggeva in piedi. Un polmone era perforato dalla tubercolosi, avrebbero poi accertato in ospedale. Morirà il giorno dopo e i medici dell'ospedale di Modica, dov'era stato ricoverato, avrebbero trovato due poesie scritte meticolosamente a mano nel portafogli. L'amico che era riuscito ad andare a fargli visita riferisce: “Mi ha detto con un filo di voce che erano tutti ammassati in una stanza nel campo di detenzione a Bani-Walid, urinavano e facevano i bisogni nella stessa stanza, le donne subivano violenze sessuali, gli uomini venivano picchiati, nessuno poteva lavarsi e gli davano da mangiare una, due volte al giorno”. Anche ai medici continuava a ripetere: “Libia, Libia”. Nel cimitero di Modica c'è ora una piccola tomba con una croce di pietra grezza e il suo nome scritto in modo incerto con una matita. In questa Giornata mondiale del rifugiato, è attraverso gli occhi di Segen che vogliamo ricordare quell'umanità calpestata e senza attracchi. 

Ultimo numero

Che cosa ti è successo Europa?
GIUGNO 2019

Che cosa ti è successo Europa?

Che cosa ti è successo, Europa umanistica,
paladina dei diritti dell’uomo,
della democrazia e della libertà?
Che cosa ti è successo, Europa madre di popoli e nazioni,
madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere
e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?
Papa Francesco, 2016
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24