Segen

20 giugno 2019 - Tonio Dell’Olio

Se avessi visto solo il volto di Tesfalidet Tesfom detto Segen, senza il contesto, avrei detto: è un'immagine di repertorio di un sopravvissuto a un campo di sterminio nazista. Invece Segen era un cittadino eritreo e quella foto è stata scattata al momento del suo approdo a Pozzallo il 12 marzo 2018 a bordo della Proactiva (Open Arms). Pesava 36 chili, era denutrito e non si reggeva in piedi. Un polmone era perforato dalla tubercolosi, avrebbero poi accertato in ospedale. Morirà il giorno dopo e i medici dell'ospedale di Modica, dov'era stato ricoverato, avrebbero trovato due poesie scritte meticolosamente a mano nel portafogli. L'amico che era riuscito ad andare a fargli visita riferisce: “Mi ha detto con un filo di voce che erano tutti ammassati in una stanza nel campo di detenzione a Bani-Walid, urinavano e facevano i bisogni nella stessa stanza, le donne subivano violenze sessuali, gli uomini venivano picchiati, nessuno poteva lavarsi e gli davano da mangiare una, due volte al giorno”. Anche ai medici continuava a ripetere: “Libia, Libia”. Nel cimitero di Modica c'è ora una piccola tomba con una croce di pietra grezza e il suo nome scritto in modo incerto con una matita. In questa Giornata mondiale del rifugiato, è attraverso gli occhi di Segen che vogliamo ricordare quell'umanità calpestata e senza attracchi. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36