Le chiese di Abu Dhabi

11 luglio 2019 - Tonio Dell'Olio

L'annuncio è stato dato qualche giorno fa ad Abu Dhabi capitale degli Emirati Arabi Uniti e quindi sarebbe superfluo, se non inutile, parlarne a 15 giorni di distanza, se non fosse per il fatto che la notizia non è stata divulgata abbastanza. Si tratta dell'annuncio da parte del governo di quel Paese di progettare la costruzione di 19 luoghi di culto non musulmani. 17 sono chiese cristiane e gli altri due sono destinate alle comunità hindu e sikh. Certo, se ci fosse stato un attentato terroristico ad opera di un gruppo di fanatici fondamentalisti con quoziente di intelligenza e di fede al di sotto dello zero, il clamore sarebbe stato ben diverso. Ma qui si tratta del risultato di una linea di dialogo inaugurata da Papa Francesco che nel febbraio scorso si era recato in visita proprio nella capitale araba e aveva sottoscritto un Documento comune nonostante le critiche di alcuni settori cattolici come di alcuni islamici. Oggi le gemme cominciano ad aprirsi in forme di tolleranza e convivenza come mai si erano constatate prima. È la risposta nei fatti a quanti in ogni dibattito televisivo come nei bar continuano a rivendicare una reciprocità che, sostengono, inesistente. Ebbene la risposta non sta nel rendere pan per focaccia ma piuttosto nella costruzione lenta e sicuramente più faticosa di un clima di fiducia e amicizia nel dialogo e nella comprensione. Ha ragione Papa Francesco: il tempo è superiore allo spazio ed è importante avviare processi più che puntare ai risultati immediati.

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32