19 luglio sei vite sparse

19 luglio 2019 - Tonio Dell'Olio

27 anni dopo siamo più forti noi o sono più forti loro? Questa è la domanda che dovremmo riuscire a porci come un mantra. Perchè di Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina i giornali oggi scrivono che “persero la vita” in Via D'Amelio e invece a noi piace pensare che, più che perderla, l'hanno “sparsa”. Come si spargono i semi. Nella speranza di trovare un terreno fertile. Ascoltare oggi le parole di Borsellino che denuncia la sua stessa solitudine e capisce di essere il servitore di uno Stato che preferisce i lacchè dello status quo, rinnova la ferita. Certo, i sei sarebbero felici di constatare che tanti giovani in questi giorni sono impegnati nei Campi di Libera a discutere di antimafia e ad ascoltare testimonianze significative di familiari di vittime. In questo siamo più forti noi. E lo diventeremmo ancora di più se certe sfumature di mafiosità scomparissero definitivamente dall'agire politico e sociale. Se la verità non fosse continuamente sacrificata sull'altare degli interessi di consorterie di potere e di denaro, che è un altro modo di dire mafia. Ai martiri di Via D'Amelio possiamo soltanto rinnovare quel giuramento solenne in cui ci impegniamo a convertirci in terreno fertile.

Ultimo numero

L'abbraccio
LUGLIO 2019

L'abbraccio

Il Documento sulla fratellanza umana,
per la pace mondiale e la convivenza comune,
firmato ad Abu Dabhi
da papa Francesco e dal Grande Imam,
è di importanza storica.
Un dossier per capire le novità, le strade aperte,
il dialogo e le prospettive.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.25