Sognando un continente neutrale

Europa, difesa nonviolenta e non armata, servizio civile, questione energetica e riforma delle Nazioni Unite…
19 aprile 2004 - Lidia Menapace

Un continente neutrale impiega diversamente le risorse: poiché pratica il disarmo unilaterale, deve avere un contestuale progetto di riconversione dell’industria degli armamenti. È probabile che una buona parte potrà essere non troppo difficilmente riconvertita in un programma diffuso di Protezione civile, non intesa solo come intervento durante o dopo le calamità (peraltro il mutamento del clima rende necessario anche questo tipo di operazioni di emergenza), ma soprattutto a prevenire le sciagure con un attento controllo sulla pericolosità degli insediamenti in zone franose o soggette a valanghe, nelle golene dei fiumi, per l’eccesso di cementificazione stradale ecc. ecc.. Molti mezzi pesanti e cingolati dell’esercito potranno essere riconvertiti per avere un programma europeo di governo del territorio contro incendi, desertificazione, per un uso corretto di parchi, conservazione della flora e fauna di pianura collina montagna laghi fiumi e mari; riconversione a uso pacifico di aree militari e fabbricati dell’esercito marina aviazione dismessi ecc.. Si prospetta un intero ciclo di lavori utili. E di spazi recuperati a usi pacifici di relax, sport, attività fisiche ecc. ecc..

Inoltre il continente neutrale avrà un servizio civile per sopperire ai bisogni non soddisfatti dal mercato e non assumibili direttamente dalla mano pubblica per il loro carattere intermittente non redditizio ecc.. Il servizio civile può essere pensato come obbligatorio gratuito o remunerato o fatto valere come titolo per il mercato del lavoro, per l’accesso a studi superiori o specialistici; però non deve essere sostitutivo di lavori regolarmente organizzabili dal mercato del lavoro né da erogare al posto di diritti riconosciuti dagli stati o dal continente stesso (sanità scuola pensioni servizi sociali ricerca trasporti viabilità). Alcuni sostengono che un programma di servizio civile obbligatorio si configurerebbe come schiavitù (lavoro non pagato): con una legge si potrebbe sanare la questione, includendo naturalmente anche il lavoro domestico e di cura erogato gratuitamente da sempre dalle donne, “schiave” secondo questa teoria. A me va bene.

Infine un addestramento di difesa popolare nonviolenta e non armata è pure da prevedere e da organizzare.

Poiché sappiamo che la questione energetica è fonte e causa di conflitti e ormai le guerre si fanno per il petrolio, -come all’inizio del secolo scorso per l’energia idroelettrica (questa è la vera ragione del confine al Brennero per l’Italia nel 1918)- una buona quota delle risorse tolte agli armamenti sarà destinata alla ricerca e sperimentazione di produzione di energie pulite e in particolare -per il traffico- di motori a idrogeno.

Sul terreno dei rapporti internazionali il continente europeo una volta unificato in forma di stato continentale (Unione Europea ) avrebbe titolo per chiedere l’ammissione alle N.U. e con il peso della sua storia potrebbe avviare una riforma delle stesse: tra l’altro per cancellare i residui della seconda guerra mondiale che ne inficiamo l’efficacia, ne minano l’autorevolezza, e conservano traccia del potere fondato sulle armi invece che sul diritto. Per questo si propone una riforma delle N.U. che rafforzi i poteri dell’assemblea, ammetta ad essa anche rappresentanze di organizzazioni non statali, renda il consiglio di sicurezza tutto a rotazione, tolga il diritto di veto ai vincitori della seconda guerra mondiale e lo trasferisca correttamente –secondo l’origine dell’istituto del diritto di veto- dai potenti ai deboli, cioè dai vincitori ai paesi impoveriti. Inoltre dalle N.U. prende avvio- dopo questa riforma- anche l’istituzione del tribunale internazionale per i crimini contro l’umanità (guerra e terrorismo), di una apposita magistratura e polizia internazionale.

Note

Lidia Menapace partecipa, con questo articolo, al dibattito che Mosaico di pace ha aperto nelle sue pagine (cfr. numero di gennaio e febbraio 2004).

Ultimo numero

Affare fatto
DICEMBRE 2019

Affare fatto

90 cacciabombardieri F35
14 miliardi di euro.
Una follia.
Il programma aeronautico
più costoso di tutti i tempi.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Lidia Menapace partecipa, con questo articolo, al dibattito che Mosaico di pace ha aperto nelle sue pagine (cfr. numero di gennaio e febbraio 2004).
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29