La farmacia di strada

17 settembre 2019 - Tonio Dell'Olio

C'è un'Italia che attraversa i governi che si succedono, non si lascia condizionare dalle vicende politiche, né paralizzare dal clima di odio che sembra prevalere. È l'Italia della solidarietà e del volontariato, della gratuità e della fraternità creativa. E così, dopo “i muri della gentilezza” di cui abbiamo riferito, oggi è il turno della “farmacia di strada”. Ieri in via della Lungara a Roma ne è stata inaugurata un'altra che porta la firma dei detenuti di Regina Coeli e porta la firma di Vo.Re.Co., una cooperativa sociale, del volontariato, di associazioni di categoria e aziende. In breve si tratta di raccolta e distribuzione gratuita di medicine. I più richiesti sono analgesici, antipiretici, antiipertensivi e gastrointestinali. Il progetto sperimentale di farmacia di strada avviato lo scorso anno a Roma con il supporto dell'Elemosineria Apostolica e in collaborazione con l'Ateneo di Roma Tor Vergata ha realizzato già una rete di sei ambulatori di strada nella Capitale. Secondo l'Istat sono più di 4 milioni gli italiani che, a motivo della loro povertà, non riescono a curarsi. Avere la possibilità di accedere a un farmaco per mettere a tacere febbre o problemi intestinali – inutile ripeterlo – è vitale.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36