Se una nuova generazione

30 settembre 2019 - Tonio Dell'Olio

Se una nuova generazione si sveglia e protesta e ci urla dritto in faccia che abbiamo sbagliato, c'è speranza. Se una nuova generazione ci dice che non si è trattato di un errore di ortografia ma che siamo andati proprio fuori tema perseguendo un modello di sviluppo insostenibile dalle spalle fragili del pianeta e che ora siamo sull'orlo della catastrofe, significa che quella generazione ha compreso più e meglio dei propri padri l'emergenza climatica. D'altra parte saranno proprio loro a fare i conti con le conseguenze prodotte ai danni di un pianeta che stiamo rendendo inospitale. E ciò che più conta, questi adolescenti non si sentono né succubi e nemmeno in imbarazzo di fronte ad autorità e istituzioni, ovvero a quel mondo degli adulti che proverebbe a raggirarli con argomenti plausibili ma falsi. Se una nuova generazione chiede fatti, noi non possiamo continuare a disquisire e dissertare sulle ragioni dei cambiamenti climatici e sull'impossibilità della riduzione delle emissioni nocive se vogliamo cambiare i nostri standard. Se una nuova generazione ci parla con i fatti: dei ghiacciai che si sciolgono, dei mari che coprono le isole e dell'aria che non si può respirare, non possiamo continuare a negare o a fare affidamento sulla scienza e sulla tecnica che ci tireranno fuori dai guai. Se una nuova generazione ci chiede d'essere onesti, ammettiamo almeno i nostri errori e impegniamoci a cambiare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36