Perché contro Greta?

1 ottobre 2019 - Tonio Dell'Olio

Detto con molta franchezza non comprendo l'acredine e la rabbia con cui da più parti ci si scaglia contro Greta e i ragazzi che manifestano contro i cambiamenti climatici. Non solo l'insulto e la denigrazione feroce, ma anche le fakenews di immagini e presunte dichiarazioni. Mi chiedo: perché? Varrebbe sicuramente di più la pena concentrarsi sul tema che pongono e capire quanto è grave la situazione, nella speranza di trovare qualche rimedio. Ma sentenziare che quei giovani protestano servendosi di tutte le conquiste inquinanti della tecnologia e che scioperano solo per non andare a scuola, definirli stucchevolmente “gretini” e dire che non sanno nemmeno di cosa parlano... a cosa serve? E soprattutto: perché? Al di là di ogni simpatia/antipatia per questo movimento mondiale che mobilita le gambe, la fantasia e le coscienze dei ragazzi, dovremmo raccogliere un grido d'allarme che non proviene dai loro slogan ma dalle specie che si estinguono e dalla biodiversità annientata. Radio Maria farebbe bene a chiedersi se c'è qualche richiamo biblico nell'allarme di questa generazione, piuttosto che ridicolizzare secondo canoni da bar o da panchina dei giardinetti. È il grido della natura, o se preferite, del creato, a doverci preoccupare piuttosto che quello dei ragazzi. Ma ancora una volta preferiamo guardare il dito che ci indica la luna e non la luna. Il vizio è vecchio ed è delle generazioni passate.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36