Cucchi e gli altri

15 novembre 2019 - Tonio Dell'Olio

La foto che fissa il momento in cui un ufficiale dell’Arma dei Carabinieri bacia la mano a Ilaria Cucchi è uno scrigno di significati belli e profondi che faremmo bene a non smaltire frettolosamente sotto altre immagini, altre parole, altri eventi ma a inchiodare piuttosto come quadro sulle pareti della nostra coscienza collettiva. Non si trattata di un gesto di cortesia borghese d’altri tempi ma del riconoscimento di una lotta strenua e ricca solo di speranza. Quella famiglia merita più che una medaglia perché non ha mai smesso di credere coi fatti negli stessi valori scolpiti a sangue nei primi articoli della Costituzione. E purtroppo il mio pensiero non può che andare ai tanti che hanno attraversato le stesse vicende, subito le medesime violenze e violazioni e che non hanno avuto la fortuna di avere una famiglia così tenace e forte alle spalle. Ci resta la speranza che l’esito di quel processo possa costituire l’ago della bussola per gli operatori dell’ordine pubblico e nello stesso tempo ripaghi l’amarezza, il dolore, la delusione di chi si è sentito colpito alle spalle da coloro che hanno il dovere di tutelare sempre, in ogni caso, a qualunque costo, tutti i cittadini.

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31