Cucchi e gli altri

15 novembre 2019 - Tonio Dell'Olio

La foto che fissa il momento in cui un ufficiale dell’Arma dei Carabinieri bacia la mano a Ilaria Cucchi è uno scrigno di significati belli e profondi che faremmo bene a non smaltire frettolosamente sotto altre immagini, altre parole, altri eventi ma a inchiodare piuttosto come quadro sulle pareti della nostra coscienza collettiva. Non si trattata di un gesto di cortesia borghese d’altri tempi ma del riconoscimento di una lotta strenua e ricca solo di speranza. Quella famiglia merita più che una medaglia perché non ha mai smesso di credere coi fatti negli stessi valori scolpiti a sangue nei primi articoli della Costituzione. E purtroppo il mio pensiero non può che andare ai tanti che hanno attraversato le stesse vicende, subito le medesime violenze e violazioni e che non hanno avuto la fortuna di avere una famiglia così tenace e forte alle spalle. Ci resta la speranza che l’esito di quel processo possa costituire l’ago della bussola per gli operatori dell’ordine pubblico e nello stesso tempo ripaghi l’amarezza, il dolore, la delusione di chi si è sentito colpito alle spalle da coloro che hanno il dovere di tutelare sempre, in ogni caso, a qualunque costo, tutti i cittadini.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.34