Un nuovo percorso per il futuro

25 novembre 2019 - Tonio Dell'Olio

Le parole di papa Francesco pronunciate a Hiroshima contro l'uso e il possesso di armi nucleari hanno fatto giustamente il giro del mondo e hanno fatto comprendere in maniera inequivocabile qual è la valutazione della chiesa sul nucleare militare. Ciò che invece non è stato posto nella dovuta evidenza è l'uso civile. I sopravvissuti di Fukushima, come quelli di Hiroshima e Nagasaki hanno ottenuto di incontrare il Papa e questo ha dato motivo di esprimere solidarietà alle vittime del “triplice disastro”: il terremoto, lo tsunami e l’incidente nucleare. Guardando a loro, Francesco si è rivolto al mondo intero dicendo: “Ci è chiesto di scegliere uno stile di vita umile e austero che risponda alle urgenze che siamo chiamati ad affrontare. Toshiko, Tokuun e Matsuki ci hanno ricordato la necessità di trovare un nuovo percorso per il futuro, un percorso basato sul rispetto per ogni persona e per l’ambiente naturale”. E infine: “Ciò implica, al tempo stesso – come hanno ben sottolineato i miei fratelli vescovi del Giappone – la preoccupazione per il prolungarsi dell’uso dell’energia nucleare, per cui hanno chiesto l’abolizione delle centrali nucleari”. Ma ci vuole tanto a capire che abbiamo altre soluzioni più efficaci e meno pericolose?

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36