Semi liberi

18 dicembre 2019 - Tonio Dell'Olio

La terra è scuola di vita. Dalla sua cura e dalla sua stessa vita potremmo distillare insegnamenti e progetti che ci possono orientare meglio nella nostra esistenza e persino aiutarci a “restare umani”. Quando poi questa relazione con la terra diventa “agricoltura sociale”, la relazione è ancora più evidente. Un progetto in questa direzione è stato realizzato nella serra del carcere di Viterbo. Semi liberi è un progetto di O.R.T.O. - organizzazione recupero territorio e ortofrutticole, e ha l'obiettivo di rimettere in piedi le persone detenute grazie al reinserimento nel ciclo produttivo e alla formazione continua. Leggo dal sito: “Le risorse umane vengono reintegrate nel ciclo di produzione e vendita di prodotti freschi di alto livello nutritivo: germogli crudi, radici aromatiche, specie erbacee spontanee addomesticate”. I germogli vengono commercializzati e venduti. Non si tratta di una cosa tanto per fare e la professionalità si acquisisce davvero. E io fino a Natale mi impegno a farmi eco solo di buone notizie.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36