Semi liberi

18 dicembre 2019 - Tonio Dell'Olio

La terra è scuola di vita. Dalla sua cura e dalla sua stessa vita potremmo distillare insegnamenti e progetti che ci possono orientare meglio nella nostra esistenza e persino aiutarci a “restare umani”. Quando poi questa relazione con la terra diventa “agricoltura sociale”, la relazione è ancora più evidente. Un progetto in questa direzione è stato realizzato nella serra del carcere di Viterbo. Semi liberi è un progetto di O.R.T.O. - organizzazione recupero territorio e ortofrutticole, e ha l'obiettivo di rimettere in piedi le persone detenute grazie al reinserimento nel ciclo produttivo e alla formazione continua. Leggo dal sito: “Le risorse umane vengono reintegrate nel ciclo di produzione e vendita di prodotti freschi di alto livello nutritivo: germogli crudi, radici aromatiche, specie erbacee spontanee addomesticate”. I germogli vengono commercializzati e venduti. Non si tratta di una cosa tanto per fare e la professionalità si acquisisce davvero. E io fino a Natale mi impegno a farmi eco solo di buone notizie.

Ultimo numero

Affare fatto
DICEMBRE 2019

Affare fatto

90 cacciabombardieri F35
14 miliardi di euro.
Una follia.
Il programma aeronautico
più costoso di tutti i tempi.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.30