In un mare di menzogne

13 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio

Dov'è la verità? Si gioca con le vite umane e con il rischio di una guerra devastante e distruttrice. Come è possibile farlo senza scrupoli? Il presidente Trump che ordina di uccidere il numero due del regime iraniano insieme ad altre nove persone, l'Iran che con un suo missile abbatte per sbaglio un aereo di linea e uccide 176 persone... E se conoscessimo tutte le verità forse le cifre, i fatti e le circostanze sarebbero peggiori. Ma la notizia di oggi è che il segretario alla Difesa dell'amministrazione Usa Mark Esper smentisce il presidente e dice di non avere trovato prove secondo le quali Soleimani stesse progettando attentati a quattro sedi di ambasciate statunitensi nell'area mediorientale, che è il motivo ufficiale per cui Trump ha dato l'ordine di ucciderlo. Insomma, pare che la menzogna sia diventata la regola e il diritto internazionale un reperto archeologico. Tra l'altro non ho alcuna informazione dei provvedimenti che le Nazioni Unite intendono intraprendere contro gli Usa per aver violato le leggi internazionali che hanno deciso unilateralmente un'operazione di guerra, hanno ucciso dieci persone e hanno operato su un suolo straniero. Silenzi, complicità, manifestazioni di potere, minacce, violenza. Sembra mafia. Anzi è mafia. Internazionale. Solo che non la chiamiamo così. 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36