Imperfetti di tutto il mondo unitevi

14 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio

Nei prossimi giorni qui in Cittadella di Assisi (www.cittadella.org) ci sarà un'iniziativa della scuola di Arteterapia dal titolo “Vivere l'imperfezione. Artiterapie e 'alcune tenere imprecisioni'”. La citazione ultima è di Borges. Alla faccia dei palestrati di cartone e dei brutti rifatti che ci rimandano a un'idolatria del corpo e dell'apparire, a dispetto della cultura prestazionista in cui se non ricevi applausi e consensi sei demolito nelle viscere e persino di una teologia dei meriti per la quale devi rincorrere la presunta perfezione dei santi per entrare in paradiso, vogliamo guardare in faccia l'imperfezione, l'irregolarità, la periferia. Ovvero: vogliamo guardarci in faccia e, possibilmente, anche dentro. La sfida consiste nell'accogliere l'imperfezione come dato di realtà che ci svela il fascino della nostra umanità. Il punto di partenza della solidarietà tra gente che assume il limite come comune denominatore e non l'impresa eroica che presume di farci volare al di sopra della media. Ma – vi prego di credermi - è tutt'altro che il patto del club degli “sfigati cronici e rassegnati”. Piuttosto è l'assunzione dell'imperfezione come tenerezza del mondo che altrimenti rischierebbe la disumanità o lo snaturamento mostruoso. E senza presunzione posso arrivare ad affermare che non è il circuito chiuso e perfetto elettronicamente testato che salverà il mondo ma l'imperfezione. Un abbraccio dunque a tutti gli imperfetti. Come me. 

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32