L'Amazzonia casa nostra

13 febbraio 2020 - Tonio Dell'Olio

“E ora torniamo alle cose di casa nostra” - dice il solerte giornalista radiofonico dopo aver parlato dell'Esortazione post-sinodale “Querida Amazzonia”. Probabilmente lo dice senza rendersi conto che le questioni amazzoniche sono di casa nostra molto più di tante altre. Ci riguardano da vicino come l'aria che respiriamo e l'acqua che beviamo e il sole che ci riscalda o ci surriscalda. L'Amazzonia è “casa nostra” perché l'aria non ha mai consentito i confini che la terra ha dovuto accettare come ferite e cicatrici di guerre. Ed è un peccato che, nei commenti dei quotidiani del giorno dopo, la riflessione sull'ambiente e sulle persone che abitano quel continente, sui drammi che si consumano sulla pelle di popolazioni che vivono all'ombra della foresta da mille e mille anni, sulla natura sventrata dagli interessi delle multinazionali del legno e delle miniere, sia stata banalizzata con la questione sulla legge del celibato dei preti. Un vero peccato lo sguardo strabico che punta a giudicare l'intero pontificato di Francesco da quella che viene presentata come una sconfitta “della sua linea”. Come se essere riusciti a portare la discussione sull'Amazzonia a Roma, nel cuore dell'occidente e del nord, e aver pubblicato un documento vaticano col titolo in spagnolo, non fossero piuttosto i simboli di una svolta epocale tanto per il mondo intero che per la chiesa universale ultramillenaria. Pertanto la miopia non è solo geografica (spaziale) ma anche storica (temporale). Urge intervento di chirurgia refrattiva o almeno cambiare gli occhiali.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.34